Wallpeople

Arianna è nata nel ‘75, vive a Milano, lavora in un’agenzia di pubblicità come art-director ed è mamma di 2 bambini. Quando ho visto le sue creazioni per la prima volta sono rimasta incantata, i suoi personaggi sembrano veri, quasi familiari. Ho amato da subito i materiali che usa, un po’ sarta, un po’ art attack: si, si, non vorrei esagerare ma per me questa è  assolutamente una forma d’arte…

 

Ciao Arianna, ci racconti il tuo progetto?

Il mio progetto si chiama Wallpeople, un mondo di ritratti fatti con la tecnica del collage, assemblando vari materiali di recupero.

Raccontaci della tua tecnica.Quali sono i materiali/strumenti con cui lavori e perchè? Come funziona il tuo lavoro?

Per creare i ritratti uso sempre una base di carta da parati (da lì il nome Wallpeople) e poi bottoni, passamanerie, scampoli di tessuto, bulloni, fiocchi e tutto ciò che possa servirmi per caratterizzare un personaggio. Alla fine incollo tutto con il Vinavil.

Sempre più spesso mi trovo a fare ritratti su commissione: mi viene spedita una foto via mail con una piccola descrizione del personaggio e nel giro di qualche settimana il ritratto è pronto. I soggetti dei miei collages vanno dai bambini, agli adulti, alle coppie di sposi, alle famiglie, agli animali.

Dove lavoro? Purtroppo non ho ancora un atelier, lavoro a casa e spero con tutto il cuore di averne uno al più presto!

Quando ti sei decisa a mettere in vendita qualcosa di tuo?

In realtà è da quando sono bambina che “creo” oggetti. Per anni (e continuo tuttora) ho venduto gioielli e ho una piccola linea che si chiama Arianna.

In tutto quello che faccio, c’è la ricerca della leggerezza ma soprattutto della personalizzazione. Trovo che oggigiorno più che mai, se vogliamo sfuggire all’omologazione, dobbiamo investire sui prodotti personalizzati.Questa è stata da sempre la mia filosofia perché fa parte della mia personalità: non ho mai amato vestirmi come gli altri e avere le cose che propongono le vetrine: amo scovare vestiti particolari fatti da designer emergenti oppure trovare chicche nei mercatini delle pulci.

Dove trovi i tuoi soggetti?

I soggetti dei miei ritratti nascono dalla mia immaginazione oppure da foto che mi vengono spedite via mail. Cerco i tratti caratteristici di ogni persona e li interpreto a mio modo, con pochi tratti.

Il ritratto che non scorderai mai?

La prima bambina: Margherita, di 8 mesi. È stato buffo creare la sua silouette…

Dove possiamo trovarti ?

Chi volesse un ritratto, mi può contattare qui: acoltorti@yahoo.it . Per vedere la mia galleria di ritratti: wallpeople.tumblr.com

Rispondi

Privacy Policy